Trekking a Sassari dal Lago di Baratz a Porto Ferro

Molti turisti, ma anche i residenti in zona, sono interessati ai percorsi per Trekking a Sassari.

Invece di limitarci a descrivere l’escursione, abbiamo pensato di raccontarvi l’esperienza provata da noi sulla via dal Lago di Baratz a Porto Ferro, per farvi “vivere” realmente quest’avventura.

Che il racconto inizi!

Trekking a Sassari dal Lago di Baratz alla spiaggia di Porto Ferro

La sveglia ci sorprende all’alba, perché per fare un buon trekking nei mesi estivi, è necessario essere sul campo presto al mattino per evitare il caldo estenuante che qui in Sardegna, si fa sentire.

Sulle strade dell’entroterra sardo, non c’è mai traffico, ci si sente un po’ sopravvissuti, in giro in cerca di altre presenze umane!

D’altro canto è estremamente piacevole godere di questa tranquillità che rigenera lo spirito.

Il paesaggio circostante è notevole, dolci colline si mischiano a radure selvatiche, gli oleandri fanno da cornice alle strade, non finiscono mai, e in questo periodo è un’esplosione di fiori di tutti i colori.

Arriviamo al Lago di Baratz, unico bacino naturale della Sardegna situato a poca distanza da Porto Ferro, nel comune di Sassari, sulla strada per Capo Caccia.

Il lago è avvolto da una natura rigogliosa e selvaggia, ideale per l’escursionismo e lo sport.

A proposito del Lago di Baratz, sapevate della leggenda del lago?

La leggenda del Lago di Baratz

C’è un’antica leggenda intorno al lago che parla di una città sprofondata.
Secondo il racconto, sul luogo si ergeva la vivace città di Barax.
Una città abitata da uomini avidi che non riconoscevano altro dio all’infuori del lusso e del divertimento più sfrenato.

Fu proprio Dio infatti ad essere risentito verso questi uomini. Nell’impeto della sua collera, per avere giustizia decise di inabissare la città nelle acque che oggi riempiono il grande bacino.
Si dice anche che l’onnipotente volle tentare un atto compassionevole verso una giovane donna concedendole di scappare a patto che non si voltasse a guardare la sua città spegnersi sprofondando.

Cosa ne è stato della giovane?

Stando al racconto, non riuscì a non voltarsi, venendo quindi tramutata in pietra e finita con il resto della città sul fondale del lago.

Non sappiamo da cosa derivi questa leggenda e quanto abbia a che fare con l’esistenza del bacino, ciò che invece è assolutamente reale è che il lago venne utilizzato come nascondiglio per l’arsenale dell’esercito tedesco durante la Seconda Guerra mondiale.

Questa volta si tratta di una storia vera.

La zona era un’importante base dell’esercito tedesco che costretto alla ritirata, gettò l’arsenale nel lago sperando che le acque potessero nascondere le preziose armi che, se recuperate dal nemico, potevano rivelarsi fatali.
Le loro speranze non furono deluse.
Il lago di Baratz ha celato l’intero arsenale – ad oggi inesploso – fino agli anni Novanta, quando il bacino iniziò a ritirarsi, le prime bombe iniziarono a riaffiorare.

Pensare che oggi la meta è nota per le magnifiche passeggiate a piedi, in mountain bike e a cavallo ed è anche frequentata dagli amanti del birdwatching!

Ma torniamo alla nostra avventura verso la spiaggia di Porto Ferro

Sul percorso per Trekking a Sassari verso Porto Ferro

Iniziamo così il nostro percorso dal Lago di Baratz in direzione della spiaggia di Porto Ferro.
Ci tuffiamo in una pineta profumatissima e rimaniamo in ascolto di uno stormo di folaghe che prendono il volo per non si sa quale altro lido.
Sotto ai nostri piedi solo sabbia dorata e dune che possono arrivare fino a 20 metri di altezza.

Camminiamo per circa 1 ora e mezza, la vegetazione, tipicamente mediterranea, a tratti ci fa intravedere il mare, siamo arrivati alla spiaggia di Porto Ferro.

La sabbia color ocra, il mare blu e il verde intenso della natura incontaminata, sono i colori del promontorio di Porto Ferro.
Bandiera Blu confermata per l’anno 2020, famosissimo riconoscimento internazionale assegnato alle località turistiche balneari che rispettano i criteri di gestione sostenibile del territorio.

Seppure lontane dall’originale maestosità, le storiche Torri di Porto Ferro ancora dominano sul porto con le loro affascinanti rovine.
Costruite durante la dominazione spagnola del XVII secolo furono utilizzate per l’avvistamento del nemico e tutt’oggi sembrano restare a guardia di un patrimonio naturale inestimabile.

Al nostro arrivo alla spiaggia, ci si presenta un mare calmo, coccolato dalla notte appena trascorsa, le sfumature sono quelle dell’alba che, nel frattempo, è esplosa alle nostre spalle, con i suoi colori delicati.

Siamo arrivati a destinazione, contenti delle sensazioni di appagamento “naturale” che questo posto ci ha trasmesso.

Soggiorna presso Domus81 e vivi anche tu questa fantastica esperienza.

Fare Trekking a Sassari è sicuramente un’esperienza che regala forti emozioni ed un senso di pace ed unione con la natura respirando l’aria intrisa di cultura di questi luoghi unici.

Se vuoi provare anche tu questo percorso escursionistico tra il Lago di Baratz e la spiaggia di Porto Ferro, puoi organizzare il tuo soggiorno con noi presso Domus81 Luxury Villa.

Immersa nel verde, a pochi minuti dai centri storici di Sassari ed Alghero, è circondata da strutture per attività sportive e percorsi per passeggiate a piedi, bici o trekking.

Composta da due unità abitative con ingressi indipendenti, può ospitare fino a 12 persone. Con la sua ampia piscina in giardino, il barbecue ed il parcheggio privato annesso alla struttura è pensata per fare di ogni soggiorno una vacanza indimenticabile.

Vienici a trovare. Visita il sito per tutte le info e le prenotazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *